Time In Stone

Young Stone Project

Hall 11

In Our Time

Curata da: Raffaello Galiotto e Vincenzo Pavan
Sperimentazioni litiche nelle università

Aspetto fondamentale nella conoscenza dei materiali lapidei e della loro applicazione nel design e nell’architettura è l’instaurazione di un solido rapporto con le università, le accademie d’arte e le scuole professionali, istituzioni nelle quali si praticano la ricerca e la sperimentazione progettuale a livello avanzato. Ciò è quanto da più di due decenni Marmomac ha intrapreso, promuovendo e sostenendo l’inserimento nella didattica di alcune prestigiose università italiane di contenuti legati all’uso della pietra nelle discipline progettuali. Si è giunti in tal modo alla recente stipula di protocolli di collaborazione tra Marmomac e alcune importanti sedi universitarie per l’attivazione di corsi curriculari e master dedicati a contenuti litici. Una spinta a questo processo è venuta dalla collaborazione di numerose aziende italiane dei settori del marmo e delle macchine che hanno affiancato la ricerca universitaria con il supporto della loro esperienza e del loro know-how, fino alla realizzazione in forma di prototipo dei progetti prodotti dagli studenti.

city — school

BAri — POLITECNICO DI BARI
Roma — SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA
pescara — UNIVERSITÀ “G. D’ANNUNZIO” CHIETI-PESCARA
verona — ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI VERONA

Time In Stone

MOSTRE

POLITECNICO DI BARI

DICAR – Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, CESAR (Cours de Enseignement Supérieur en Architecture et Restauration)
Corso di Alta Formazione Applicata in Architettura e Restauro; Corso di Progettazione Stereotomica; Poliba Stone Lab 4.0; New Fundamentals Research Group, in collaboration with il Dipartimento di Ingegneria Strutturale Edile Geotecnica del Politecnico di Torino.

Esperienze didattiche sul tema della stereotomia 2.0

Project Manager ↘
GIUSEPPE FALLACARA E MAURIZIO BARBERIO
In collaboration with ↘
Stilmarmo with Atelier Romeo, Cnc Design, Fablab Poliba
material ↘
PIETRA DI APRICENA, MARMO DI CARRARA, STAMPA 3D with CARBONATO DI CALCIO

I prototipi esposti rappresentano alcuni esiti delle sperimentazioni progettuali che hanno avuto come tema l’innovazione del linguaggio del prodotto lapideo considerando le caratteristiche estetiche e tecniche dei principali bacini estrattivi pugliesi. Tutti i prototipi sono stati concepiti e prodotti mediante tecniche di modellazione e produzione digitali CAD/CAM.

POLITECNICO DI BARI

DICAR – Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, CESAR (Cours de Enseignement Supérieur en Architecture et Restauration) Corso di Alta Formazione Applicata in Architettura e Restauro

1. Fleur de ville

tutor ↘
GIUSEPPE FALLACARA (PI), MARCO STIGLIANO, MAURIZIO BARBERIO
student ↘
THEOPHILE DUQUENNE
production ↘
Atelier Romeo, Fablab Poliba
material ↘
MARMO DI CARRARA

Fleur de Ville è un progetto di pensilina ispirata alle forme organiche della natura e costruita principalmente in pietra naturale al fine di utilizzare materiali locali (pietra di Apricena) resistenti e preferibilmente con una bassa impronta ecologica. Le forme sinuose della pensilina s’iscrivono in una visione concettuale che mette insieme la tradizione dei materiali con l’innovazione della morfologia architettonica e della relativa tecnica costruttiva. L’idea di base consiste nella “litizzazione” di una forma floreale che apporta benessere visivo nell’ambiente in cui si colloca, e protezione e riparo dagli agenti atmosferici durante il periodo di sosta.

2. Luminescent geometric marble

tutor ↘
GIUSEPPE FALLACARA (PI), MAURIZIO BARBERIO
student ↘
SIMON CANNONE
production ↘
ATELIER ROMEO, FABLAB POLIBA
material ↘
MARMO DI CARRARA

Il progetto propone l’utilizzo di lastre in marmo scavate, secondo un motivo parametrico, in modo da ridurre lo spessore del marmo e permettere il passaggio della luce, grazie ad un sistema di illuminazione LED. Il sistema può essere impiegato per la realizzazione di facciate di edifici e partizioni interne. È possibile rendere evidente lo scavo ponendolo sulla facciata a vista, oppure nasconderlo nella parte interna e renderlo visibile solo quando il marmo è retroilluminato. La dimensione delle lastre e i motivi geometrici sono totalmente personalizzabili.

3. Trivault

tutor ↘
GIUSEPPE FALLACARA (PI), MAURIZIO BARBERIO
student ↘
LOÏC LAFOSSE
production ↘
RECCHIA MARMI, CNC DESIGN, FABLAB POLIBA
material ↘
PIETRA DI APRICENA

Il progetto propone un sistema di copertura traforato composto da archi incrociati in pietra portante. Il progetto è sviluppato su pianta triangolare e le aperture tra gli archi incrociati sono tamponati con cuscinetti di copertura traslucidi in Etilene tetrafluoroetilene (ETFE). Il disegno di una copertura traforata e la combinazione tra materiali pesanti e leggeri è paradigmatica delle nuove frontiere che la pietra può assumere nel solco della Stereotomia 2.0.

POLITECNICO DI TORINO — POLITECNICO DI BARI

Dipartimento di Ingegneria Strutturale Edile Geotecnica del Politecnico di Torino, Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura

4. Addvault — Digital fabrication per strutture a volta

design ↘
AMEDEO MANUELLO, GIUSEPPE CARLO MARANO with FEDERICO RIBERI, GIUSEPPE FALLACARA
material ↘
ACIDO POLILATTICO, PLA, CEMENTO, PIETRA CALCAREA COMPATTA

Il lavoro di ricerca si basa su una sperimentazione per strutture voltate a superficie forata. La presentazione al Marmomac del lavoro eseguito presso i laboratori del MastrLABdel Politecnico di Torino costituisce il primo passo per la realizzazione attraverso moduli litici di strutture di tipo voltato tramite tecnologia di costruzione a controllo numerico. Il modello fisico è stato realizzato tramite una tecnica di produzione additiva (Fuse Deposition Modellling) di mini- casseri in materiale riciclabile (acido polilattico, PLA). Ogni elemento è stato pensato, in termini di geometria e volume, al fine di ottimizzare il montaggio e la resistenza della struttura. L’obiettivo futuro del lavoro è quello di proporre la realizzazione dei vari elementi attraverso blocchi in materiale lapideo e realizzare, in questo modo, una cupola forata con opera litica in ricerca di forma attraverso processi additivi ed automatizzati.

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA - DICEA

Corso di Laurea Magistrale a c.u. in Ingegneria edile – architettura U.E.  with StonENG / Innovation in stone construction systems

Digitalstone morphing & processing

project manager and principal investigator ↘
MARCO FERRERO
lab teacher / researcher ↘
FEDERICA ROSSO, ELIO RAVÀ, ADRIANA CIARDIELLO
scientific partner ↘
Universidad de Granada, E.T.S. de Ingenierìa de Edificaciòn, Interuniversity Research Center on Pollution and Environment – University of Perugia
production ↘
Balducci Marmi with Filoalfa by Ciceri de Mondel, Mind3D Printing
Metodi e tecniche avanzate per la progettazione e la produzione di elementi costruttivi in pietra. I prototipi esposti sono stati sviluppati nel laboratorio progettuale di Architettura e tecnologia della pietra. Il tema di studio è la realizzazione di elementi costruttivi che forniscono adeguati livelli prestazionali utilizzando il materiale lapideo secondo un corretto equilibrio tra linguaggio architettonico e tecnica costruttiva. I progetti sono stati sviluppati impiegando i più aggiornati metodi e tecniche di progettazione e modellazione digitale.

Breathing stone

student ↘
MICHELE PASCUCCI, GIULIA BULF, FLAVIA DELLA TORRE, MATTEO TERZANI
production ↘
BALDUCCI MARMI with FILOALFA by ciceri de mondel, MIND3D PRINTING

Concepito come evoluzione dei tradizionali pannelli compositi di marmo leggero, il pannello Breathing Stone sfrutta i vantaggi della stampa 3D per realizzare un elemento costruttivo altamente sostenibile e adattabile a qualsiasi esigenza progettuale. Il pannello realizza una facciata ventilata integrando la finitura lapidea con le prestazioni energetiche del supporto. Il materiale utilizzato per il supporto è riciclato e riciclabile, ad alta resistenza meccanica e resistente agli agenti atmosferici.

Università G. D’annunzio Chieti-Pescara

Dd’A – Dipartimento di Architettura di Pescara

Il giardino del tempo, tra l’oblio e l’eternità

Project Manager ↘
DOMENICO POTENZA with GIULIO GIRASANTE and FRANCESCA BUX
Production ↘
HELIOS AUTOMAZIONI with FELICE CHIRÒ INDUSTRIA MARMI
material ↘
PIETRA DI APRICENA A SPACCO NATURALE
Non tutti i manufatti in pietra, progettati e realizzati, finiscono per essere concretamente utilizzati. Il progetto prova a restituirli, riproponendoli alla ribalta di una nuova esistenza; riorganizzati in una sorta di lapidarium contemporaneo degli scarti, dove si riscoprono significati mai sopiti.

1- Lapide | 2- Capitello | 3- Iscrizione | 4- Cornice | 5- Stele | 6- Balaustra | 7- Concio | 8- Informe | 9- Statua (residuo)

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI VERONA

In collaboration with Scuola Tecnica del Marmo – Settore Arte e Automazione, Sant’Ambrogio di Valpolicella, Arab American University – Palestina
with the support of Desamanera, Grassi 1880 Cave in the context of DAMN 2020/2021

Arcadia

Project manager ↘
SOTIRIOS PAPADOPOULOS with KATIA GASPARINI, LORENZO PALMERI, FRANCESCA PICCOLINO BONIFORTI
Student ↘
FRANCESCO LASALA, LORENZO FAVARON with ALAA ABDALHAMEED
production ↘
SCUOLA TECNICA DEL MARMO – Settore Arte e Automazione – Sant’Ambrogio di Valpolicella
MAterial ↘
GRASSI 1880 CAVE

Realizzata in duplice versione – con tecnologie sottrattive e con quelle addittive – ARCADIA è un progetto d’arredo per giardini privati e parchi pubblici costituito da 7 moduli autoportanti e componibili. Un modello di riurbanizzazione atto a celebrare un rapporto sostenibile tra l’uomo e il proprio tempo, di cui la natura, sempre più compromessa da stili di vita intrusivi dell’essere umano, è la migliore espressione.

link utili

HAI BISOGNO DI AIUTO?

CHIAMA IL CUSTOMER CARE

T +39 045 8298 561
(dal lunedì al venerdì 9.00-13.00 / 14.00-18.00)
E customercare@marmomac.it

Partner of the Network