Al momento stai visualizzando Superfici d’architettura

Superfici d’architettura

Nascono le 6 prime nuove collezioni dedicate ai materiali: il marmo Arabescato del Corchia incontra la pelle conciata al vegetale, il legno intarsiato, il sughero naturale e tostato, l’ottone acidato, il salice intrecciato ed il legno impiallacciato per raccontare nuove storie dedicate all’architettura.

A matter of stone by Elle Decor Italia

Hall 1 Stand 5 SAVEMA S.P.A.

azienda Savema Spa www.savema.com
progetto Gumdesign www.gumdesign.it

Gumdesign è stato scelto per la nuova direzione creativa di Savema Spa; le esperienze e le competenze acquisite con il progetto culturale ed imprenditoriale de La Casa di Pietra sono declinate su rivestimenti funzionali e poetici. Nascono le 6 prime nuove collezioni dedicate ai materiali: il marmo Arabescato del Corchia incontra la pelle conciata al vegetale, il legno intarsiato, il sughero naturale e tostato, l’ottone acidato, il salice intrecciato ed il legno impiallacciato per raccontare nuove storie dedicate all’architettura. Un importante inizio per scoprire caratteristiche inedite, innovative e sperimentali dedicate all’abitare, alla ricettività ed all’ospitalità; luoghi e percorsi che si intrecciano e suggeriscono nuovi modi di interpretare lo spazio abitato.

Le prime 6 collezioni prevedono l’utilizzo di altrettanti materiali naturali combinati al marmo Arabescato Corchia (materia prima proveniente dalle cave di proprietà Savema) lavorato con numerose tecniche e tecnologie residenti in azienda; le collezioni presenti – e future – nascono con l’utilizzo del marmo Arabescato Corchia ma il supporto lapideo può cambiare a richiesta del cliente finale, così come le numerose declinazioni materiche dei materiali complementari; la dimensione standard delle lastre è 75×100 cm e permette un’applicazione agevole sulle superfici verticali con scarti minimi di posa in opera.

PAROLE collection
Arabescato Corchia + Pelle Conciata al Vegetale

ATTIMI collection
Arabescato Corchia + Legno Intarsiato

STRATI collection
Arabescato Corchia + Sughero Naturale e Tostato

LINEE collection
Arabescato Corchia + Metallo Acidato

TRAME collection
Arabescato Corchia + Salice Intrecciato

PAGINE collection
Arabescato Corchia + Legno Impiallacciato

Le nuove collezioni si inseriscono nel contenitore aziendale Integram. L’integrazione è uno dei valori su cui si basa l’azienda, è il faro che guida l’approccio al mercato. Un think tank in cui si lascia convivere la pietra naturale con altri materiali che diventano uno strumento aggiuntivo, guidato dall’integrazione: un complemento all’uso della pietra naturale perfettamente “abbinato” ai nostri marmi con l’obiettivo di dare ai progettisti la possibilità di generare diverse variabili che fanno di un edificio una storia unica e di successo.

La nuova linea imprenditoriale di Savema – che coincide con la definizione di un catalogo aziendale rivolto alle Superfici di Architettura (canale parallelo al lavoro alla produzione “ordinaria” dell’azienda) – ha richiesto una traiettoria progettuale, produttiva e di comunicazione del prodotto, che sostiene l’innovazione e la ricerca di superfici in marmo contaminate da materiali complementari. Lo spazio espositivo diventa dunque narrazione, racconto tridimensionale del processo metodologico. Un contenitore aperto che accoglie sei portali in metallo naturale e generati da semplici pieghe diventa “libro” e “pagine” da leggere; sono “porte attraverso le quali passare, percorrere un viaggio” alla riscoperta della tradizione e della contemporaneità, della ricerca e dell’innovazione, del recupero e della sostenibilità, del linguaggio e del segno grafico bidimensionale e tridimensionale.

All’interno dei portali (le pagine) la “scrittura” (le collezioni) scolpita nel marmo grazie a tecnologie avanzate e a fasi di realizzazione spesso interrotte, non finite ma lasciate naturali, materiche; pentagramma solidi nei quali inserire “note” composte da altri materiali naturali (il legno intarsiato secondo antiche tecniche artigianali, la pelle conciata al vegetale, il metallo acidato da mani sapienti, il salice intrecciato in terra Toscana, il sughero recuperato da una struttura consolidata basata sull’economia circolare ed il semplice legno impiallacciato che coglie la parsimonia nell’uso della materia prima).

Un viaggio tra tecnica e poesia, concretezza e sogno per restituire al visitatore la consapevolezza di un percorso metodologico attento e sensibile alla materia, al suo uso ed alla sua “permanenza” e durabilità nello spazio abitato.

condividi