Il quarzo fumé

Il quarzo fumé

Una pietra di singolare bellezza, utilizzata per diversi scopi e conosciuta in tutto il mondo: stiamo parlando del quarzo affumicato (o fumé), noto soprattutto per i suoi benefici nella cristalloterapia.

Ecco tutto quello che dovete sapere su questa pietra!

il quarzo fumé

Il quarzo fumé o quarzo affumicato è una varietà del quarzo il cui colore spazia dal bruno al marrone, dal grigio al nero (quest’ultimo noto anche come morione), anche se può arrivare ad essere quasi del tutto incolore, mentre la sua opacità varia da trasparente a traslucida. Si tratta di una gemma di modesto pregio che si ritrova in Scozia, in Austria, in Portogallo, in Russia, in Brasile, in Colorado, in Madagascar e, in Italia, in Piemonte e nell’Isola d’Elba. Appartiene, come accennato poco sopra, alla famiglia dei quarzi, il secondo materiale più abbondante sulla crosta terrestre dopo i feldspati: essendo così diffuso, presenta numerose varietà identificabili grazie al loro colore e microstruttura. Si può ottenere anche artificialmente irradiando il cristallo di rocca (o quarzo ialino, ossia la varietà totalmente incolore di quarzo) con raggi gamma o raggi X. Come riconoscere un quarzo fumé naturale da uno artificiale? I primi non si scalfiscono, come tutte le pietre dure naturali, mentre i secondi sì, anche solo con l’unghia. Tra le varietà più famose di quarzo fumé troviamo:

  • Quarzo fumé brandberg: si trova solo in Namibia e presenta numerose inclusioni.
  • Quarzo fumé ametista: derivante dalla combinazione tra due varietà di quarzi, quello fumé e l’ametista.
  • Quarzo fumé citrino: caratterizzato dalla presenza di alcune macchie giallastre.

Cairngorm quarzo fumé: questo esemplare giallo-bruno si trova solo sulle montagne Cairngorm, in Scozia.

Restando in Scozia, i Druidi e i Celti consideravano il quarzo fumé una pietra sacra, associata al potere oscuro degli dei della terra, tanto da essere impiegata anche nei riti di Samhain (Halloween), perché grazie al suo effetto “fumoso”, era considerata il simbolo perfetto per questa notte di transizione. Secondo alcune testimonianze, veniva utilizzato anche nelle cerimonie tribali del Nord America per donare protezione e per favorire il passaggio astrale da un mondo all’altro.

le proprietà e i benefici

Il quarzo fumé è uno dei più utilizzati nella cristalloterapia per i suoi effetti protettivi (anche dalle radiazioni, come ad esempio quelle derivanti dall’esposizione ai raggi solari), come talismano per alleviare il dolore cronico ed espellere le tossine. È indicato soprattutto per le persone che hanno perso il contatto con la realtà e la società, in quanto trasmette un nuovo senso di stabilità e di felicità nel trovarsi sulla terra. A livello spirituale, tale varietà di quarzo assorbe le energie negative, le depura e le dona nuovamente al proprietario sotto forma di energia positiva: per questo è particolarmente usato durante la meditazione. A livello mentale, questa pietra influisce invece sulla sfera mentale, allontanando le paure e lo stress e fornendoci lo stimolo per avverare i nostri sogni e aspirazioni. Inoltre, placa forti emozioni come rabbia, depressione e paura, sostituendo al loro posto delle energie positive. Se posto poi vicino a uno schermo, assorbe una buona parte delle onde elettromagnetiche, mentre durante i momenti di calma, aiuta a creare un legame tra corpo e terra, favorendo lo scambio tra energie negative e positive.

gli utilizzi

Avendo proprietà piezoelettriche e piroelettriche, si utilizza negli oscillatori al quarzo che si possono ritrovare in numerose apparecchiature elettroniche come orgogli al quarzo e radio.
Per le sue proprietà fisico-meccaniche, si usa spesso anche nell’industria del design per rivestimenti, pavimentazioni e piani da lavoro.
Essendo anche trasparente e resistente alle alte temperature, viene coinvolto nella realizzazione dei bulbi delle lampade alogene e, sotto forma di sabbia quarzosa, viene impiegato invece come materia prima per la produzione del vetro.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email