granito nero

L’essenza del granito nero: eleganza e versatilità 

Il granito è un materiale che da sempre raccoglie grande successo nell’ambito del design, in virtù della sua strabiliante versatilità: questa roccia magmatica plutonica, derivando dal raffreddamento del magma nel corso di milioni di anni ed essendo composta da ben tre minerali (quarzo, feldspato e mica), compare infatti in una miriade di varianti, che si differenziano sia a livello cromatico che di specifiche proprietà.

Tra le più rinomate ed eleganti c’è sicuramente il granito nero che, nonostante si distingua anch’esso in varie tipologie (la più nota è il nero assoluto o Zimbabwe, estratto nell’Africa Meridionale), raggiunge in ogni fattispecie vette di resistenza, durabilità e raffinatezza a cui altri tipi di pietra o marmo non possono aspirare.

quali sono le sue caratteristiche principali

I pregi del granito nero sono numerosi e gli consentono di fare la differenza sotto ogni punto di vista, sia estetico che di tenuta nel corso degli anni:

  • Ottima continuità di colore e granulometria, grazie alla distribuzione omogenea al suo interno dei minerali che lo compongono;
  • Resistenza indissolubile a qualsiasi agente atmosferico (pioggia, freddo, calore, vento ecc.);
  • Elevata sopportazione dell’acidità, da cui non viene nemmeno scalfito;
  • Coefficiente di imbibizione ridotto ai minimi termini: grazie alla sua scarsa porosità, non assorbe liquidi, ma nemmeno macchie e sporcizia;
  • Facilità di pulizia;
  • Notevole resistenza ad abrasione, flessione e compressione;
  • Possibilità di essere sottoposto a svariate lavorazioni (piano sega, lucido, levigato, fiammato, spazzolato, sabbiato, bocciardato, waterjet ecc.);
  • Varietà di finiture: il granito nero può presentarne di diversi tipi e cromature (a fondo grigio scuro, a puntinature nere, con inserti dorati ecc.);
  • Grande versatilità di impiego, sia negli interni che negli esterni.

impiego

L’utilizzo del granito nero nell’ambito del design e dell’arredamento non è un fatto recente, perché la sua raffinatezza era già apprezzata in passato ed infatti veniva sfruttato con grande frequenza nella realizzazione di lapidi e monumenti sepolcrali. Oggi la situazione è cambiata, ma il valore del granito nero è rimasto tale e quale, tant’è che risulta ancora uno dei materiali più ricercati da chi vuole donare al suo ambiente un duraturo design moderno, nel contempo elegante e resistente. In questo senso, per merito delle caratteristiche già analizzate, gli impieghi a cui il granito nero può essere destinato sono molteplici:

  1. Piani di lavoro in cucina o in bagno;
  2. Rivestimenti per pareti e pavimenti;
  3. Mensole o ripiani di vario genere;
  4. Pavimentazione per esterni;
  5. Elementi decorativi (anche in opere d’arte);
  6. Scale;
  7. Grandi superfici (non solo in casa, ma anche in centri commerciali, showroom ecc.).

abbinamenti

Tra le peculiarità che hanno contribuito a rendere il granito nero una soluzione di successo nella sfera del design, non si può non citare la facilità con cui questa pietra magmatica si riesce ad abbinare ad altri materiali, massimizzando le proprie caratteristiche naturali ed esaltando qualsiasi stile in chiave moderna.
Gli alleati prediletti del granito nero, in termini di colore, sono il bianco e il grigio, con cui è possibile realizzare dei contrasti davvero ad effetto, ma il versante su cui è forse ancora più interessante giocare quando si ha tra le mani la roccia oggetto di questo articolo, è quello dei materiali: le interazioni con l’acciaio, per esempio, permettono di valorizzare la brillantezza del granito (non a caso è un abbinamento che si ritrova molto spesso con la rubinetteria della cucina), mentre l’accoppiata legno-granito nero conferisce alla classicità quella venatura moderna che la fa essere sempre attuale. Ma, oltre a queste indicazioni, spazio alla fantasia: il granito nero è in grado di adattarsi a qualsiasi base, conferendole un’intrigante e misteriosa raffinatezza.

Potrebbe anche piacerti