IMPLUVIUM

Marmo caldo che si illumina, prende forma e diventa Impluvium. La struttura circolare si sviluppa in altezza e accoglie gli ospiti sulla sua seduta generosa tra luci e ombre. Le lastre lavorate di marmo sibillino sono schienali sottili e tenaci, che si ergono a sostenere un cielo ambrato.

A matter of stone by Elle Decor Italia

Hall 1 Stand 14 CAVA SAN PIETRO – GRUPPO EUROBUILDING S.P.A.

Da qui un grande soffione libera zampilli d’acqua a terra, sul piano marmoreo che come un tappeto circonda l’Impluvium. Lo spazio tra una lastra e l’altra permette all’acqua di mescolarsi con l’aria. Gli accessori in ottone rendono interattivo ogni elemento della struttura: dai diffusori di suono ai comandi per il soffione incastonati nella seduta circolare. Un sistema armonico di piccole luci illumina gentilmente la pietra bagnata. Nella funzione di questa struttura riecheggia chiaro l’Impluvium romano, che a inizio anni ’90 abbiamo riportato in vita nelle SPA più scenografiche d’Italia.

L’Impluvium Romano consentiva l’ingresso della luce solare che illuminava di riflesso le stanze adiacenti, dato che l’atrio era sprovvisto di normali finestre. Permetteva inoltre sia l’aerazione dei locali sia la raccolta dell’acqua piovana, che veniva convogliata in una vasca sottostante. Qui, il piano di raccolta è un lago di marmo chiaro che si estende oltre la struttura e termina ai suoi confini con uno smusso lievemente arrotondato.

condividi

Potrebbe anche piacerti