Al momento stai visualizzando Casa Pereiro Do Cha

Casa Pereiro Do Cha

Aggirandosi nei paesaggi rurali e selvaggi di Alentejo, località portoghese che dista circa 10 km dall’oceano, si rimarrà avvolti da colline olivastre, arse dal calore e attraversate da strade sterrate.
Tra il verde polveroso dominante potrebbe però capitare di notare qualche scintillio bluastro sferzare il campo visivo: la responsabile non può che essere Casa Pereiro Do Cha, abitazione moderna concepita dall’architetto Valerio Olgiati, il quale, attraverso l’applicazione della quarzite blu, ha conferito alla sua creazione dei riflessi luccicanti.

il progetto

Un edificio che si adatta perfettamente al contesto circostante: questo era l’intento progettuale di Olgiati e, a guardare il risultato finale, lo ha concretizzato con grande maestria. Non si tratta solo di una questione cromatica: certo, il grigio delicato scelto si sposa alla perfezione con l’ambiente rurale in cui è calato, ma a far sembrare Casa Pereiro Do Cha un tutt’uno con le aspre colline dell’Alentejo è la sua organizzazione spaziale. Nessun corridoio interno, ma un unico ed elementare open space, in cui il collegamento tra le stanze è determinato dall’intuitivo sistema di percorsi del giardino: in questo modo protagonista assoluta nell’abitazione è la vegetazione tipica della zona, che domina in tutti i cortili.

Se poi aggiungiamo il fatto che casa Pereiro Do Cha è stata concepita come una sorta di piattaforma, in cui emerge appena appena un’abitazione che assomiglia ad un padiglione, la mimetizzazione nella natura selvaggia portoghese sembra completa: a fare eccezione è solo il dettaglio lapideo già citato nell’introduzione.

la quarzite blu risplende con la luce del sole

Oltre al cemento, la quarzite blu è l’altro materiale che compone la casa progettata da Olgiati. La scelta non è casuale: si tratta di una roccia metamorfica derivata da arenaria ricca di quarzo, che si distingue sì per la sua durezza e resistenza (motivo per cui è perfetta per gli ambienti esterni), ma anche per il suo aspetto unico, conferitole da particolari e suggestive sfumature blu e grigie.

Sono proprio queste ultime a dare il benvenuto in Casa Pereiro Do Cha. Nella zona dell’ingresso è infatti situata una piscina, circondata da quarzite blu: l’obiettivo era creare scintillanti giochi di riflessi tra l’acqua, i raggi solari e la stessa quarzite, in modo da esaltare la cromaticità di quest’ultima. Missione assolutamente compiuta: le interazioni che il sole genera tra l’acqua della piscina e le sfumature caratteristiche della quarzite blu sono l’elemento per cui l’edificio riesce a risaltare, senza risultare invadente, nel contesto in cui è stato inserito.

lo studio

Altro elemento che caratterizza Casa Pereiro Do Cha è l’oculata disposizione dei muri, frutto di un attento studio degli spazi e degli stagionali movimenti del sole. Infatti le pareti protettive che circondano la costruzione sono tutte di altezza diversa, per un duplice scopo:

  1. Fornire, a chi si trova al loro interno, uno sguardo unico sul vasto paesaggio circostante: i muri sono stati pensati per creare diversi piccoli quadretti visivi, che permettono di godere delle colline dell’Alentejo da un’altra prospettiva;
  2. Garantire ombra durante le estati e quanta più luce solare nel corso degli inverni: il disegno architettonico della struttura è stato ideato a partire proprio da questo principio funzionale e, di conseguenza, sono stati disposti i muri.

Photo credits: Paulo Catrica – archdaily.com